Translate

domenica 10 febbraio 2013

I nodi di base nel Light Game

Negli ultimi giorni sono stato un po' dubbioso sull'argomento del mio nuovo post... alla fine mi sono chiesto quale potesse essere un argomento importante per chiunque si avvicina al light game... ma i nodi ovviamente! Trovo molto utile concentrare in un unico post tutti i nodi di base per poter affrontare qualsiasi situazione si presenti a chi pratica il light game (soprattutto a chi si avvicina a questa tecnica senza essere passato prima dallo spinning). Nulla di innovativo sicuramente, ma spero che magari qualcuno lo potrà trovare di aiuto!

I nodi trattati in questo post sono quattro (dal più banale al più complesso):

- Arbor (nodo per legare il filo alla bobina del mulinello, sembrerà banale ma lo metto per completezza);

- Improved Clinch (nodo per legare moschettoni, girelle, ami ad occhiello, jighead, etc.);

- Palomar (nodo per legare l'amo nella montatura a drop shot);

- Peixet (nodo di giunzione trecciato-fluorocarbon).

Per le spiegazioni sull'esecuzione dei primi tre nodi vi rimando ai link dell'utilissima risorsa NetKnots, un sito (ovviamente gratuito seppure con qualche banner pubblicitario) dove potrete trovare anche altri interessanti nodi riguardanti vari ambiti oltre alla pesca, con una spiegazione davvero completa attraverso immagini curate passo passo con relativa spiegazione (in inglese) e grafica animata per essere ancora più semplici da imparare:

             - Arbor                                              - Improved Clinch                                             - Palomar 

Per quanto riguarda invece il Peixet knot, visto che sulla rete non ci sono molte risorse in proposito cercherò di facilitarvi il tutto proponendovi una mia spiegazione passo passo.
A dire il vero inizialmente utilizzavo un altro nodo (Tony Pena), ma dopo aver scoperto il Peixet ho potuto apprezzarne gli enormi vantaggi in termini di risultato, tenuta e facilità di esecuzione, dapprima nello spinning medio-pesante e poi anche nel light game   

Vediamo dunque di capire come eseguirlo:

1) Innanzitutto realizziamo con il fluorocarbon un nodo semplice e poi ripetiamo l'operazione al fine di avere un nodo a due giri.


2) Poi stringiamo un poco il nodo fino ad ottenere una sorta di "otto rovesciato".


3) Questo è il risultato che dovreste ottenere al passo 2. 


4) Adesso possiamo prendere il trecciato ed iniziare passandolo all'interno del nostro "otto rovesciato" come mostrato in figura.


5) Poi facciamo compiere al trecciato circa 15 spire attorno al fluorocarbon.


6) Adesso ripetiamo l'operazione nel verso opposto, facendo molta attenzione a far combaciare le spire con gli spazi vuoti lasciati dalle spire del passo 5, quindi passiamo il capo libero del trecciato attraverso il nostro "otto rovesciato".


7) Arrivati a questo punto lubrifichiamo le parti "scorrevoli" e tiriamo con cura tutti i capi "attivi" indicati nella figura per assuccare bene il nodo.


8) Non ci resta infine che tagliare le eccedenze di fluorocarbon e trecciato a pochi millimetri dal nodo e il gioco è fatto.


Ecco come si presenta il nostro "Peixet knot" appena finito, un capolavoro per aspetto, affidabilità e facilità di esecuzione (non è così complicato come può sembrare). 



Nell'ultima immagine ho voluto proporvi il risultato effettivo, per mostrarvi come realmente il trecciato sembra fondersi con il fluorocarbon, lasciando soltanto un piccolo nodo a creare attrito.

Bene, siamo alle conclusioni... quelli che vi ho proposto sono i nodi che personalmente utilizzo e quindi vi consiglio, ovviamente molti di voi ne utilizzeranno altri per cui se avete suggerimenti, paragoni e critiche costruttive da fare non esitate a scriverli nei commenti. Un saluto a tutti e a presto!

"Light is Better!"

4 commenti:

  1. Buen tutorial de nudos Alex, bien explicado y documentado, algunos los utilizo para el surfcasting como el palomar.
    Un saludo desde Cadiz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Salah, i nodi mi hanno sempre affascinato...mi piacerebbe saperli fare tutti! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Bravissimo Alex spiegazione da 10 e nodo molto valido...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea, ti lascio immaginare il tempo che ci è voluto per sistemare tutte le immagini con le relative spiegazioni...però dai alla fine penso che ne sia valsa la pena!

      Elimina

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.